Since e for: impara la differenza


Since e for: impara la differenza

Since vs for: quando si usa uno e quando l’altro?

Il giusto impiego di “since” e “for” è sicuramente uno dei dubbi che genera più confusione a chi si sta apprestando ad imparare la lingua Inglese. Può rappresentare un vero e proprio blocco linguistico, innescato da un utilizzo ambiguo se non se ne conosce il corretto uso.

Innanzitutto, dal punto di vista grammaticale, le due preposizioni vengono classificate come preposizioni temporali, svolgendo la funzione di indicare la circostanza di tempo in cui si sviluppa un’azione. Esaudiscono la domanda quando? e per quanto tempo?, costruendo un punto di congiunzione, un filo rosso tra parole e frasi, delineando il loro reciproco rapporto. Nella lingua Inglese la differenza tra since e for è indubbiamente tra le più discusse e rinomate, e spesso si fa moltissima confusione in merito. Analizzeremo nello specifico la loro differenziazione, cercando di comprenderne le particolarità e le discrepanze negli usi, in modo da saper riconoscere quando occorra utilizzare uno piuttosto che l’altro.

Procediamo per gradi, partendo dal presupposto che in lingua Inglese le due preposizioni temporali ricorrono in nostro aiuto quando si utilizza la costruzione sintattica della Duration Form (o Present Perfect Progressive). Si tratta di una formula usata per far riferimento ad azioni iniziate nel passato ma che hanno un proseguo nel presente: indica un arco temporale antecedente al presente in considerazione della sua durata o del punto di partenza. Le due parole sottolineate sono le parole chiave per comprendere lo scarto differenziale tra le preposizioni in questione.

Differenza tra since e for

Differenza tra since e for

Approfondiamo quanto detto analizzando la seguente ripartizione per capire la differenza tra for e since:

  • FOR:

Definisce la durata dell’azione, indicando per quanto tempo essa venga svolta, delinea un lasso di tempo, non un momento preciso. Il tempo verbale di riferimento è principalmente il Present Perfect:

Kate has lived here for twenty years

I have known Vicky for ten years

La preposizione è quindi seguita dal periodo di tempo che rappresenta la durata dell’azione, precede sempre un’espressione di durata:

for six years, for a week, for a month, for hours

In parole povere, descrive semplicemente il contesto temporale della durata di una determinata azione, il momento in cui si sviluppa e si protrae, spostando l’attenzione sulla durata del lasso di tempo.

  • SINCE:

Indica il momento di inizio dell’azione, l’istante da cui la stessa comincia. Può essere abbinato sia all’impiego del Present Perfect che all’utilizzo del Past Simple:

I have worked here since 1992

They have been in Rome since last Tuesday

I have loved music since I was a child

Ed in questo caso, viene descritto il momento esatto in cui parte una determinata azione, è seguito da un’espressione di tempo precisa e definita, tendendo a sottolineare il punto di partenza dell’arco di tempo passato.

È del tutto lecito avere dei dubbi in materia, anche perché quando si studia una nuova lingua non sempre si conoscono le mille sottigliezze e sfaccettature che la distinguono. In realtà, il corretto utilizzo delle due preposizioni analizzate è più semplice di quello che sembra. Occorre solo fermarsi un attimo a riflettere, e con un po’ più di pratica sarà tutto poi naturale, basta memorizzare le piccole dritte che abbiamo analizzato.

Categoria: Grammatica Inglese | Articolo scritto da:

Dove siamo

Logo Metropolitana RomaPiazza Bologna (linea B)

Scrivici

    i termini e le condizioni stabilite sulla Privacy Policy *

    Dimostra che non sei un robot